Amazon apre i suoi primi store: l’ecommerce sperimenta il punto vendita

I negozi di Amazon, annunciati in una conferenza stampa nella sede del colosso ecommerce, apriranno in Ohio e California che saranno gli stati dove si sperimenterà lo store del futuro secondo l’azienda di Seattle. Stupisce la scelta della dimensione, saranno di circa 2.800 metri quadrati, che rappresenta in metratura uno standard molto contenuto per gli Stati Uniti in quanto la metratura media dei grandi magazzini americano è 8.500 metri quadri. Cosa si potrà trovare negli store Amazon? Innanzitutto una selezione dei vendor che sono presenti nelle pagine di Amazon ecommerce ma anche prodotti private label (a marchio Amazon) che saranno il fulcro dell’offerta base degli store.
Amazon è già oggi il primo venditore di articoli di casalinghi e di abbigliamento negli Stati Uniti attraverso i suoi servizi online, davanti ai negozi fisici di Wal-Mart, altro colosso ma della distribuzione commerciale fisica. Amazon dopo la fase di sperimentazione e di definizione degli assortimenti ha in programma di aprire diversi punti vendita, un modello che è a metà tra i grandi magazzini e gli iperdiscount. Per ora l’azienda Amazon si concentrerà sul mercato USA per poi sbarcare in Canada e solo in una seconda fase in Europa.
E’ indubbio che la novità per il mondo della distribuzione commerciale è rilevante. Amazon aveva fatto del mondo digitale inl campo dive svilupparsi anche seguendo iter e procedure non codificate e grazie alla mancanza di legislazioni specifiche, invece il mondo dello store fisico è fatto di regole, licenze, controlli, autorità che devono dare pareri e consentire la corretta gestione di un punto vendita. La scelta di aprire punti vendita fisici era già stata presa da tempo, ed è in questo scenario che si inquadra la decisione di acquisire la catena di supermercati Whole Foods (sembra per la grande somma di 13,7 miliardi di dollari) che è servita al management di Amazon per verificare sul campo nuove idee ed acquisire il know how tipico del retailer. La sfida che aspetta il colosso dell’ecommerce e di confermare quella supremazia che ha raggiunto nel web anche nel punto vendita fisico