Giugno 24

Amerigo Vespucci: la nave scuola celebrata in una mostra

Livorno celebra l’Amerigo Vespucci, la nave scuola della Marina Militare Italiana, con una mostra al Museo della città di Livorno, Bottini dell’Olio, dal 3 agosto al 30 ottobre 2022.
Intitolata “La più bella del mondo” , la rassegna fotografica, promossa dal Comune di Livorno e declinata in una cinquantina di foto, di Maki Galimberti e Massimo Sestini, vuole mostrare un volto inedito del celebre veliero, varato nei cantieri di Castellammare di Stabia nel 1931.

Immagini di estrema attualità della Nave Scuola, scatti d’autore di uomini e donne che compongono il prestigioso equipaggio, ripresi nelle loro attività quotidiane, esaltano la bellezza dell’unità
navale che il mondo ci invidia. Il titolo della mostra prende spunto dalla frase del comandante della portaerei USS Indipendence, che incrociò il Vespucci, nel 1962 nelle acque del Mediterraneo.
Con lampi di luce venne chiesto alla nostra nave di identificarsi. La risposta fu “Nave scuola Amerigo Vespucci. Marina Militare Italiana”. Il comandante americano replicò con una frase che è rimasta celebre: “La nave più bella del mondo”.
In effetti, questo veliero di 101 metri, è davvero la nave più bella del mondo, con le sue 29 vele in tela di olona, cucite ancora a mano.
Eccellenza italiana nel mondo, amica dei livornesi, che da generazioni la osservano varie volte all’anno in porto, vuole diventare attraverso la mostra del Museo della Città, simbolo dell’amicizia che lega la città alla prestigiosa Accademia Navale.
Con l’inaugurazione prevista il 3 agosto, in contemporanea con la 34 esima edizione di Effetto Venezia (rassegna di musica, arte, teatro di strada che si svolge nel quartiere livornese della Venezia), si apre un percorso di respiro nazionale e internazionale, perché il Vespucci è il veliero più famoso del mondo, capace di attirare visitatori non solo livornesi.
Sul Vespucci, al maschile, perché deriva dal prefisso R.L., Regio Legno, non si discrimina tra uomini e donne, perché gli allievi ufficiali vengono considerati un corpo solo.
Pari diritti e soprattutto pari doveri. Le prove fisiche sono uguali per tutti, per necessità, perché in mare non ci si salva da soli. E questa mostra lo vuole dimostrare, attraverso gli scatti di un equipaggio alla manovra, con le stesse mansioni. Insomma, il Vespucci ha un nome maschile, ma la determinazione delle donne, che lo fanno funzionare dal 2000, è femmina.

Donna è anche la curatrice della mostra: Carla Bardelli, livornese di origine e di cuore, ha passato 35 anni a Parigi, come corrispondente free lance di Panorama e di Vanity Fair. Tornata nella città che l’ha vista nascere ha voluto rendere omaggio al Vespucci, la cui immagine l’ha sempre accompagnata nel suo percorso di migrante, rendendola orgogliosa dell’appartenenza al popolo livornese.

Dove: Museo della Città – Polo Culturale Bottini dell’Olio – Piazza del Luogo Pio
0586/ 824551 – 824552
museodellacitta@comune.livorno.it
https://www.museodellacittalivorno.it/
Orari:
dal Martedì al Venerdì dalle ore 10,00 alle ore 20,00. Sabato e Domenica dalle ore 10,00 alle ore 22,00.
Lunedì chiuso
BIGLIETTI
€ 5,00 intero; € 3,00 ridotto; € 8,00 cumulativo con visita mostra Gilardi (Sezione di Arte contemporanea del Museo della Città);
€ 10,00 cumulativo con visita mostra Gilardi (Sezione di Arte contemporanea del Museo della Città) e Museo Civico G. Fattori;
Gratuito per gli Allievi Ufficiali e per gli Ufficiali dell’Accademia Navale di Livorno (dietro presentazione di tesserino di riconoscimento)